Personale docente

Vincenzo Romania

Professore associato confermato

SPS/08

Indirizzo: VIA M. CESAROTTI, 10/12 - PADOVA . . .

Telefono: 0498274326

Fax: 049 827 4719

E-mail: vincenzo.romania@unipd.it

  • Il Martedi' dalle 16:00 alle 18:00
    presso Dipartimento FISPPA, Sezione di Sociologia - via Cesarotti, 12

VINCENZO ROMANIA è professore associato confermato, settore SPS/08, Sociologia dei processi culturali, presso l’Università Degli Studi di Padova. Fa parte del Direttivo della Scuola di dottorato in "Scienze Sociali: Interazioni, Comunicazione, Costruzioni Sociali", del Direttivo del CIRSIM, del comitato scientifico del Master in Studi sull'Islam d'Europa e della Commissione Scientifica di Area 16 (Scienze Sociali e Politiche).
E’ responsabile per il corso di laurea triennale in Sociologia per i flussi Erasmus+ con le università di Porto ed Eskisehir e responsabile stage per il CdL in Comunicazione.
Ha partecipato a molteplici progetti di ricerca sul tema dell'identità, del pluralismo culturale, del dialogo interculturale, delle subculture 'spettacolari' e ha scritto testi di ricerca sul tema dell'intercultura ("Farsi passare per italiani, 2004 e "La città interculturale" (con A. Zamperini), 2009; e della teoria sociologica ("Identità e performance", 2005; "Le cornici dell'interazione", 2008; "Ruoli, identità, interazioni", 2012) oltre a diversi articoli in riviste e capitoli in volumi collettanei.
E' titolare degli insegnamenti di Sociologia dei Processi Culturali, Sociologia della Comunicazione e Tecniche della mediazione culturale.

Monografie
• (2012), Ruoli, identità e interazioni, Napoli: Liguori.
• (2009), La città interculturale. Politiche di comunità e strategie di convivenza a Padova. Franco Angeli, Milano (con A. Zamperini).
• (2008) Le cornici dell’interazione, Napoli: Liguori.
• (2005) Identità e performance, Roma: Carocci.
• (2004) Farsi passare per italiani. Strategie di mimetismo sociale, Roma: Carocci.

Articoli su rivista
• 2015 “Italian Punk and the Problem of Authenticity: the case of CCCP", Revista Critica de Ciencas Sociais
• 2015 “La valutazione nei servizi di mediazione abitativa”, Welfare ed ergonomia, pp.1-12.
• (2013). “Pragmatist Epistemology and the Post-Structural Turn of the Social Sciences: a New Kind of Non-Aristotelian Logic?”. Philosophy Today, vol. 57, p. 150-158.
• (2013) “Queering social sciences: dall'epistemologia interazionista a quella del closet”. About Gender, vol. 2, p. 1-41.
• (2009). L'immigrato e il malinteso della sicurezza: l'influenza del frame sicuritario nella sperimentazione di una pratica innovativa di mediazione culturale su strada. BARATARIA, vol. 10, p. 39-56.
• (2005), “Le medicine non convenzionali nell’arena televisiva” in Salute e Società, IV, nr. 3, 2005, pp. 148-163
• (2001) “La paideia: cultura e stratificazione sociale”. La Critica Sociologica, vol. 137, p. 32-43, ISSN: 0011-1546


Voce in enciclopedia
• (2011), Italy in G. Barnett (ed.,) Encyclopedia of Social Networks, Thousand Oaks: Sage, pp.450-451.

Traduzioni
• 2016. Erving Goffman “Consolare lo sconfitto”, Milano: Mimesis, in stampa.

• (2012). William Isaac Thomas, La ragazza disadattata. Un'analisi del comportamento deviante (traduzione a cura di Vincenzo Romania) pp. 1-182, CALIMERA (LE): Kurumuny, ISBN: 9788895161860


Contributi in volume collettanei

• (2011), ‘The governance of globalization in the neighbourhoods: the case of cultural facilitators in Padua’ in Claudius Mesaroș, a cura di, Knowledge Communication: Transparency, Democracy, Global Governance, Editura Universității de Vest, 2011, pp.105-112.

• (2010). “Facilitatori culturali e dinamiche di ruolo: Una ricerca-intervento nel Comune di Padova” . In: Mazzara B. M. (A cura di). L'incontro interculturale. Forme, processi, percorsi. vol. 25, p. 135-150, MILANO:Unicopli

• (2004a) Le medicine in vetrina. Rappresentazione televisiva dei saperi medici, in Guizzardi G., a cura di, Star bene. Benessere, salute, salvezza tra scienza, esperienza e rappresentazioni pubbliche, Bologna: il Mulino, pp. 221-262,.

• (2004b) I nuovi italiani. Processi di mimetismo sociale fra gli albanesi, in AIS, a cura di, Giovani Sociologi 2003, Milano: Angeli, pp. 3-20.

• Guizzardi G. e Romania V. (2004) La médecine qui change. Le Débat Sur Les Médecines Alternatives, in Castagna B., Gallais J., Ricaud P., Roy J.P., a cura di, La Situation Délibérative Dans Le Débat Public, Tours: Maison des Hommes, pp. 193-218.

Immigrazione
Identità
Interazionismo simbolico
Comunicazione.
Storia del pensiero sociologico.
Subculture.

TESI SEGUITE NELL'ANNO ACCADEMICO 2016\2017.
Al fine di garantire una significativo contributo nell'individuazione del tema, nel suo sviluppo e nella successiva redazione della tesi, verranno seguiti fino a 15 laureandi, fra tesi magistrali e tesi triennali.

Da luglio 2017 sono seguiti i seguenti studenti:
CdL in Comunicazione:Amerighi, Baldisseri, Butticci, Padovan, Sartorato.
CdL in Culture, formazione, Società Globale: Costacurta, Fabbri, Pasqualato, Ponti, Recchi, Roncato.


Considerato ciò, si accettano fino a 6 nuove proposte di tesi, da discutere a partire dal dicembre 2017 per le triennali e da febbraio 2018 per le magistrali. Essendo cessato l'insegnamento, non si accettano nuove proposte di tesi per i corsi di laurea in Lingue e Letterature Straniere e MZL.





INDICAZIONI TESI TRIENNALI
Dal momento dell'individuazione del tema al momento della consegna dell'elaborato dovranno passare almeno 4 mesi. La tesi dovrà constare di almeno 100.000 caratteri (tutto incluso) e presentare uno sviluppo adeguato di: introduzione (individuazione dell'oggetto di ricerca, analisi della rilevanza, piano dell'opera); stato dell'arte; metodologia; analisi dei risultati; conclusioni; bibliografia. Ogni tesi dovrà essere accompagnata da una ricerca empirica o da una ampia analisi teorica. Per presentare un nuovo progetto di tesi è quindi necessario aver individuato un tema, costruito una scaletta della tesi, indicata una bibliografia di massima e individuata una tecnica di raccolta dati e un campione\corpus sufficientemente esteso. Si consiglia quindi la lettura preventiva dei manuali di metodologia della ricerca sociale.

PLAGIO
Dalla sessione estiva 2016 il docente farà uso del software antiplagio per la valutazione dell'originalità dei singoli capitoli. In caso di plagio, si chiederà di presentare un nuovo progetto di ricerca su un tema diverso, col docente o con un altro tutor.



E' possibile proporre tesi su temi relativi all'intercultura, al pluralismo culturale, alle identità giovanili, alle subculture, alla devianza e ad altri temi di taglio strettamente sociologico.

ATTENZIONE:
Considerato l'alto numero di appuntamenti previsti, il ricevimento di martedì 5 settembre avrà inizio alle ore 14 per terminare, come al solito, alle ore 18.

PER INFORMAZIONI DIDATTICHE USARE ESCLUSIVAMENTE LA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA: vincenzo.romania@unipd.it

Per gli studenti di Comunicazione, le informazioni sugli stage verranno date durante il ricevimento studenti, la registrazione degli stessi avrà luogo durante le normali sessioni di esame, nelle date indicate.