Personale docente

Bruna Giacomini

Professore associato confermato

M-FIL/06

Indirizzo: PIAZZA CAPITANIATO, 3 - PALAZZO DEL CAPITANIO - PADOVA . . .

Telefono: 0498274735

Fax: 049 827 4719

E-mail: bruna.giacomini@unipd.it

  • Il Mercoledi' dalle 13:30 alle :00
    presso Studio della docente
    Durante il secondo semestre la docente riceve alle 13,30

Bruna Giacomini è professoressa associata di Storia della filosofia nel Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia applicata (FISPPA). Insegna Storia della filosofia alla laurea magistrale in Scienze filosofiche e Storia della filosofia contemporanea-base alla laurea triennale in Filosofia; fa parte del Collegio Docenti del Corso di Dottorato in Filosofia per l’Area di Filosofia e Storia delle idee e coordina un’attività seminariale; è membro della Giunta del FISPPA; dal 14 giugno 2016 è Coordinatrice del Forum interdisciplinare per gli studi e la formazione di genere dell’Ateneo di Padova istituito dal Rettore nella stessa data.
È autrice di saggi e monografie nell’ambito della filosofia contemporanea.
Dopo una prima fase dedicata all’esame dei paradigmi di pensiero sviluppatisi tra Otto e Novecento soprattutto nell’ambito delle discipline umanistiche e sociali (cfr. i volumi: “Il valore dell’asserto di base nel neopositivismo”, Venezia 1974; “Linguistica e scienze umane: Leonard Bloomfield,1887-1949”, Venezia 1980; “Razionalizzazione e credenza nel pensiero di Max Weber”, Rovigo 1985; “Modelli e teorie. Mutamenti nei paradigmi scientifici tra Marx e Luhmann”, Milano 1990; “Conoscenza e riflessività. Il problema dell’autoriferimento nelle scienze umane”, Milano 1990), ha concentrato la sua attenzione sulla questione filosofica dell’alterità quale snodo da cui si dipartono alcuni dei principali assi tematici della ricerca filosofica del Novecento.
In questa prospettiva, dopo il volume “Relazione e alterità. Tra Simmel e Lévinas” (Padova 1999), ha indagato nel loro sviluppo storico-teorico una serie di figure della relazione con l’altro. In particolare ha approfondito i temi dell’ospitalità (“Straniero/Ospite”, Paradosso 2002; “«L’altro arriva sempre, in tutti i modi...». Inclusione e ospitalità: due grammatiche a confronto”, Firenze 2013); della responsabilità (“Il problema responsabilità”, Padova 2004; “Metamorfosi della responsabilità”, Cosenza 2007; “Responsabilità. Perché darsi in-pegno”, Milano-Udine 2014); del dono (“In cambio di nulla. Figure del dono”, Padova 2006; “Dono e intercultura: a proposito del Saggio di Mauss”, Trickster 2008; “All’origine del legame sociale: il fenomeno totale del dono in Marcel Mauss”, Roma 2014) e dell’amicizia (“Amicizia: una fratellanza di ‘altro’ genere”, Gli Argonauti 2017). Sulla scorta di Arendt ha poi indagato il concetto di totalitarismo come progetto di distruzione dell’alterità (“«Che cosa ci fa pensare?» Pathos e filosofia in Hannah Arendt”, Paradosso 2012; “Idee che accendono la miccia. Politica e violenza nel pensiero di Hannah Arendt”, Milano-Udine 2012).
A una riflessione sulla filosofia femminista a partire dall’idea di alterità/differenza, ha dedicato alcuni saggi recenti nei volumi “Donne in filosofia” (Padova 2005); “Corpi di identità” (Padova 2005);“Margini e confini” (Venezia 2006); “Donne mitiche, mitiche donne” (Padova 2007);“Madre de-genere” (Padova 2009); “Padri nostri” (Padova 2010); “Maschile e femminile: genere ed eros nel mondo greco” (Padova 2010); “Inquietudini queer” (Padova 2012);“Affettività elettive” (Padova 2014);“La scena inospitale” (Padova 2014);“La cura come relazione con il mondo” (Padova 2015);“La questione maschile” (Padova 2015); “Maternità: tra illusione e realtà” (Vicenza 2017). Nel 2009-2011 è stata responsabile del Progetto di Ateneo: “L’alterità che noi stessi siamo. L’alternativa del femminile negli ultimi scritti di Nietzsche”.

Download Curriculum_Giacomini.pdf

Alcune pubblicazioni significative della docente sono indicate nel curriculum vitae. Per un elenco più esaustivo, si veda il file PDF allegato.

Download Pubblicazioni_Giacomini.pdf


Le aree di ricerca della docente sono quelle indicate dal curriculum

L'argomento di tesi sarà individuato mediante uno o più colloqui preliminari con la studentessa o lo studente e terrà conto sia degli interessi di questa/o che delle linee di ricerca e delle competenze della docente quali si possono desumere sia dal suo curriculum scientifico che dagli argomenti dei corsi da lei svolti.



A partire dal mese di giugno 2018 e fino a diversa comunicazione,la docente riceverà studenti e laureandi su appuntamento