Personale docente

Silvia Mocellin

Professore associato confermato

M-FIL/03

Indirizzo: PIAZZA CAPITANIATO, 3 - PALAZZO DEL CAPITANIO - PADOVA . . .

Telefono: 0498274739

Fax: 049 827 4719

E-mail: silvia.mocellin@unipd.it

  • Il Giovedi' dalle 9:00 alle :00
    presso Piazza Capitaniato, 3, primo piano
    Si ricorda di comunicare sempre via mail la propria presenza al colloquio e di controllare su questa pagina eventuali variazioni dell'orario di ricevimento
  • I prossimi ricevimenti si terranno giovedì 7, martedì 12 e giovedì 21 settembre, sempre alle ore 9.00.

Silvia Mocellin si è laureata in Filosofia presso l’Università di Padova, discutendo la tesi dal titolo “Sul prescrittivismo di R.M. Hare e di U. Scarpelli. Dalla metatetica all’etica normativa”. Ha conseguito, nel 2005, il dottorato di ricerca in Filosofia presso l’Università di Padova, discutendo la dissertazione dal titolo “Dimensioni etiche dell’economia. Economia del benessere, sviluppo e globalizzazione in Amartya Sen”. Nel 2005 ha vinto una borsa di studio post dottorato presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Padova; nel 2006, un assegno di ricerca presso il Dipartimento di Diritto Comparato, presso il quale ha anche collaborato, fino al 2007, con un contratto di ricerca. E' entrata in servizio come Ricercatrice nel 2007, nel settore disciplinare di Filosofia Morale (M FIL03), presso l’attuale Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISSPA) dell’Università di Padova. Dal 2015 è Professore Associato.
In questi anni, ha tenuto diversi corsi presso la Facoltà di Scienze dell’Educazione e della Formazione, dove attualmente insegna Etica sociale ed Etica e globalizzazione.
Dal 2004 è nel comitato di redazione della rivista “Ars Interpretandi”, e dal 2010 fa parte del comitato direttivo del Centro Interdipartimentale di Studi per i Servizi alla Persona (CISSPE).
Ha partecipato, in qualità di relatrice, a numerosi convegni nazionali e internazionali.
La sua ricerca è incentrata su questioni di etica pubblica e di etica applicata. Sul fronte dell’etica applicata, in particolare, si interessa di temi attinenti alle diverse dimensioni del rapporto tra etica ed economia (etica degli affari, antropologia economica, etica ambientale e questioni morali relative allo sviluppo sostenibile). Per quanto riguarda, invece, l’etica pubblica, l’indagine è attualmente rivolta alla condizione dell’individuo, in epoca di globalizzazione, in rapporto alle istanze di giustizia e di identità.

Volumi:

-“Il sogno poetico di un economista”. L’antropologia economica di Amartya Sen, tra welfare economics e teoria dello sviluppo, Franco Angeli, Milano, 2005.

-Ripartire dalla ‘vita buona’. La lezione aristotelica in A. MacIntyre, M. Nussbaum e A. Sen., Cleup, Padova, 2006

-L’homo oeconomicus in evoluzione. Modelli antropologici e responsabilità sociale
di impresa, Bruno Mondadori, Milano, 2011.

-L’uomo senza dimensioni. Spazio, tempo e cultura nella società globalizzata, Il Poligrafo, Padova, 2012.

Libri curati:

-L’argomentazione del giudizio bioetico. Teorie a confronto, (curato con C. Viafora), Franco Angeli, Milano, 2005.

Principali articoli e contributi:

-Liberals versus Communitarians: una dicotomia insuperabile?, in “Verifiche”, Trento, anno XXXIII, n. 3-4, 2005, pp. 317-349.

-L’argomentazione del giudizio bioetico: un percorso di approfondimento, in C. Viafora, S. Mocellin, L’argomentazione del giudizio bioetico, Franco Angeli, Milano, 2005, pp. 207-224.

-La filosofia dello sviluppo di Amartya Sen: l’individuo tra eudaimonia aristotelica e simapatia smithiana, in Bollettino della Società filosofica italiana, n. 186, 2005, pp. 29-42.

-La cura come virtù e la cura come diritto nell’interpretazione di A. MacIntyre e di M. Nussbaum, in C. Viafora, R. Zanotti, E. Furlan, L’etica della cura. Tra sentimenti e ragioni, Franco Angeli, Milano, 2007, pp. 154-168.

-“A. Sen”, voce dell’Enciclopedia Filosofica, Bompiani, Milano, 2006, pp. 10450-10452.

-“Paretiano Liberale” voce dell’Enciclopedia Filosofica Bompiani, Milano, 2006, p. 8320.

-Impresa e bilancio sociale: alcune linee guida, in A.A.V.V., Competenze tacite, apprendimenti organizzativi e comportamenti etici nei distretti veneti, Pensa Multimedia, Lecce, 2007, pp. 81-97.

-La responsabilità sociale d’impresa nei tre distretti della logistica veneti, in A.A.V.V., Competenze tacite, apprendimenti organizzativi e comportamenti etici nei distretti veneti, Pensa Multimedia, Lecce, 2007, pp. 123-129.

-Homo oeconomicus e natura: gli approcci biologici all’antropologia economica, in F. Biasutti , Ethos e natura. Ricerche sul significato dell’etica per la modernità, Bibliopolis, Napoli, 2009, pp. 155-178.

-Per un’economia a misura d’uomo, in “Diogene”, n. 14, v. 4, 2009, pp. 18-21.

-Nanotecnologie per i Paesi in via di sviluppo: tra mercato ed equità, in E. Pariotti, G. Guerra, A. Muratorio, M. Piccinni, D. Ruggiu) (eds.), Forme di responsabilità, regolazione e nanotecnologie, il Mulino, Bologna, 2011.

-Agorà ed eudaimonia. Alla ricerca di rimedi antichi per i mali della postmodernità, in “Verifiche”, Trento, vol. 4, 2012.

-Dall'etica pubblica alle politiche del lavoro: ripensare il rapporto individuo-comunità secondo le capabilities, in F. Menegoni, N. De Carlo (a cura di), "Etica e mondo del lavoro", Franco Angeli, Milano, 2016.


L’attività di ricerca è incentrata su questioni di etica pubblica e di etica applicata.
Sul fronte dell’etica applicata, in particolare, l'interesse è rivolto ai temi attinenti le varie dimensioni del rapporto tra etica ed economia (etica degli affari, antropologia economica, etica ambientale e questioni morali relative allo sviluppo sostenibile). Per quanto riguarda invece l’etica pubblica, l’attenzione è rivolta, da un lato, in ambito bioetico, alla questione della distribuzione delle risorse scarse in sanità, dall’altro, all’indagine sulla condizione dell’individuo nell’epoca della globalizzazione, in rapporto alle istanze di giustizia e di identità.

Si avvisa che è sospesa anche la lezione di giovedì 16 ottobre di Etica sociale. Si riprenderà regolarmente venerdì 17. Le due lezioni perse verranno recuperate nelle date che saranno indicate dall'insegnante.